3-Prime linee

A luci spente la proiezione dell’immagine è più evidente, quindi le prime linee con la matita si tracciano al buio. Qui c’è solo da avere le mani pulite.

Il tratto è leggero, approssimativo. Individuo gli occhi, il naso, la posizione della bocca e con un grosso ovale la forma della testa. Una roba facile, elementare.

Racchiudo le zone in ombra con degli spazi chiusi e lascio libere le zone bianche. Tiro una linea verticale e una orizzontale da un lato all’altro della tela giusto per riportarmi al centro quando mi perdo, ma sempre più o meno.

Mi viene in mente un chiurugo che per rifare le tette segna tutte quelle strane linee sul corpo, fa dei cerchi e delle x qua e là col pennarello che sembrano un pò messe a caso.

Senza essere troppo ingorda di segni, una volta individuato quel che basta, mi fermo e riaccendo la luce.

Domani si inizia davvero e, forse, qualcuno saprà già riconoscere il soggetto da un piccolo dettaglio 😛

No Comments

Post a Comment